En la foto: moneda de oro española

En la foto: moneda de oro española

14.02.2020

 

Nel 1700 salì al trono il re Filippo V di Spagna dei Borboni. A quel tempo, l'economia del Paese stava attraversando un periodo difficile: il debito pubblico stava aumentando, e le casse dovevano essere riempite con i tesori ottenuti dai conquistatori spagnoli del Nuovo Mondo. Oltre a ciò, Filippo V decise di sposarsi, e il matrimonio reale, come ogni altra occasione di tale portata, richiedeva molti soldi. L'oro spedito dall'America Latina avrebbe dovuto rappresentare la salvezza per il paese.

 

Carico d'oro

Nel 1715, la flotta del Tesoro spagnolo, comandata dall'ammiraglio Juan Esteban de Ubilla, partì dal porto di Siviglia verso le coste del Messico e di Cuba. Undici galeoni stavano per consegnare oro dalle miniere del Perù e della Colombia, lingotti d'oro dal Messico, oltre a costosi tessuti, porcellana e avorio per la Spagna.

Le navi raggiunsero in sicurezza il porto messicano di Veracruz. Per diverse settimane, i galeoni vennero caricati con oro e pietre preziose per la corte spagnola. Poi l'armata arrivò a Cuba dove otto casse piene d'oro e gemme furono consegnate alla nave principale della flotta del tesoro. I tesori d'oro erano destinati al re Filippo V, che progettava di presentarli come regalo di nozze alla sua sposa, la Duchessa di Parma.

Nella foto: alla fine del luglio 1715, i galeoni spagnoli si diressero verso le loro coste native.

 

Tempesta nell'oceano

Dopo cinque giorni di navigazione al largo della penisola della Florida, le navi entrarono in acque tranquille. La tregua minacciosa non prometteva bene per la flotta. Il giorno dopo, scoppiò una forte tempesta. L'uragano infuriava alzando grosse onde. I marinai cominciarono a preparare le scialuppe di salvataggio su diverse navi.

Uno dei capitani decise di separarsi dal resto della flotta del tesoro e di dirigersi verso est, avventurandosi ulteriormente nelle profondità dell'oceano. Tale decisione salvò la nave "Grifon" e il suo equipaggio dalla morte. Le rimanenti dieci navi che si spostarono attraverso la tempesta verso la Florida affondarono il giorno seguente.

 

L'oro salvato

Su 2500 marinai, meno della metà è sopravvissuta. I relitti delle navi erano sparsi per 30 miglia lungo la costa orientale della penisola. I sopravvissuti cercarono di trovare le casse d'oro per diversi mesi. Gli spagnoli ingaggiarono sommozzatori indiani locali per cercare le ricchezze dei galeoni affondati, ma frequenti tempeste e uragani costrinsero i marinai a desistere da ulteriori tentativi e a rinunciare a trovare il tesoro d'oro.

Secondo i documenti archiviati a Siviglia, gli spagnoli riuscirono comunque a trovare e sollevare quasi il 30% del prezioso carico dall'acqua nei mesi successivi. Dopo quattro anni, il paese smise di cercare l'oro della flotta affondata. Per più di due secoli, i tesori perduti dalla corte spagnola sono rimasti sconosciuti.

 

Un tesoro da un milione di dollari

Nel 1963, il cittadino americano Kip Wagner trovò una rara moneta d'oro del XVIII secolo su una spiaggia sabbiosa della Florida.

Nella foto: moneta d'oro spagnola.

 

Incuriosito dalla preziosa scoperta, l'uomo inviò una richiesta all'Amministrazione Marittima dello Stato spagnolo: voleva saperne di più sulle navi affondate, le quali potevano trasportare carichi preziosi. Più tardi ricevette un pacco con copie di vecchi documenti di Siviglia, citando dieci galeoni della flotta del Tesoro che naufragarono al largo delle coste della Florida nel 1715.

Wagner assunse una squadra di cacciatori di tesori con i quali decise di esplorare il fondo della costa orientale della penisola. Sul luogo dell'incidente delle navi spagnole, Wagner e il suo equipaggio scoprirono oltre 60 000 antiche monete d'oro.

Sul fondo dell'oceano sono stati ritrovati anche altri oggetti di valore: un fischietto d'oro su una catena appartenuta al defunto Ammiraglio Ubilla, dischi d'oro e leghe d'argento del peso di 150 libbre e utensili d'oro.

Nella foto: tra gli oggetti di valore trovati c'erano moltissimi accessori di gioielleria: croci d'oro, medaglioni, catene e anelli.

 

Il valore totale del tesoro scoperto è stimato in 1 milione di dollari. Eppure si tratta solo di una piccola parte degli oggetti d'oro trasportati dalla flotta del Tesoro spagnolo nel 1715. È possibile che, durante la tempesta, le parti affondate delle navi si fossero allontanate di dieci miglia. Appassionati e cacciatori di tesori professionisti sono alla ricerca dell'oro dei galeoni spagnoli ancora oggi.

 

Leggi anche dei tesori della nave: I tesori della nave affondata